La storia dei pigmenti: intervista a Jacopo Gilardi, restauratore e docente della SUPSI

La storia del continente europeo dalla preistoria a oggi

La storia dei pigmenti: intervista a Jacopo Gilardi, restauratore e docente della SUPSI

Storia dei pigmenti intervista a Jacopo Gilardi

Ascolta “Int3 – La storia dei pigmenti: intervista a Jacopo Gilardi, restauratore e docente della SUPSI” su Spreaker.

Abbiamo parlato di arte e sepolture preistoriche: entrambe hanno in comune l’utilizzo dei pigmenti, la cui storia è davvero molto interessante.

La storia dei pigmenti è un ramo interdisciplinare del sapere in cui la storia si unisce alla chimica: affronteremo questo intricato argomento con una puntata del podcast di Storia d’Europa parte della rubrica “interviste con la storia”.

Oggi quindi parliamo di storia dei pigmenti con un esperto in materia il professor Jacopo Gilardi, restauratore, ricercatore e docente della SUPSI – Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

Questa intervista è nata per casa: il professor Gilardi è uno degli ascoltatori del podcast!

Queste le domande fatte al professor Jacopo Gilardi:

  1. Quando si iniziano ad utilizzare i pigmenti nella storia umana?
  2. Nella preistoria grande protagonista è l’ematite, un ossido di ferro che diventa rosso come il sangue in polvere, ma che tutti noi oggi conosciamo come una pietra nera e lucida, dato che la usiamo per collane e ninnoli..
  3. La scoperta delle terre bruciate: cos’è, perché è importante e quando avviene?
  4. Qual’è il primo dipinto realizzato dall’essere umano giunto fino a noi? E il più antico dipinto europeo?
  5. La composizione della tavolozza dei pittori preistorici è praticamente identica in tutte le regioni della Terra in cui si conservano delle pitture rupestri. Poi tutto cambia con gli egizi..
  6. Con il declino e la caduta dell’impero romano c’è una progressiva riduzione dei flussi commerciali in Europa: una delle conseguenze è che molti materiali vanno gradatamente scomparendo e sono sostituiti da prodotti autoctoni o più facilmente producibili. Un grande passaggio nella storia dei pigmenti..
  7. Il passaggio dall’alchimia alla chimica moderna, a partire dalla fine del XVIII secolo, porta, tra le altre cose, a una vera e propria rivoluzione nel campo dei pigmenti..
  8. Colori sintetici e a basso costo.. ma tutto questo ha un lato oscuro! Dai colori che degenerano come la lacca di geranio, rosa e luminosissima, usata da Van Gogh (che virava al grigio con il tempo!), a quelli che rilasciano arsenico (e uccidono!) come il verde di Parigi, usato per tingere vestiti, carta da parati e decorazioni per dolci…
  9. Arriviamo quindi al XX secolo e ai pigmenti organici.. cosa e come sono?
  10. E siamo al 2000.. quali sono le scoperte recenti nel campo dei pigmenti?

 

ASCOLTA L’INTERVISTA al prof JACOPO GILARDI docente e ricercatore presso la SUPSI
e scopri la storia dei pigmenti attraverso le parole di un esperto

 

E ora torniamo al podcast della Storia d’Europa!

La foto contenuta in questa pagina è stata realizzate da me: ne è proibita la diffusione, la copia e ogni genere di utilizzo senza la mia autorizzazione scritta. Se siete interessati ad acquistarne i diritti di utilizzo scrivetemi in privato e vi darò il link della piattaforma microstock dove è possibile acquistarli.
Tutti i diritti riservati ©